Siamo il tuo compagno di viaggi in giro per il mondo. Tu ci racconti l'idea, noi te la confezioniamo nei dettagli.

OrganizzareViaggi.it
Seguici su
GO UP

Tour Thailandia 20 giorni

separator
Prezzo €2000 20 Giorni
Scorri sotto

Tour Thailandia 20 giorni

€2000 a persona

Un tour completo di 20 giorni attraverso la Thailandia. Dalle montagne del nord, ai templi più famosi ed affascinanti fino alle spiagge più gettonate come quelle di Phuket. Scopri l’itinerario base di questo affascinante viaggio in Thailandia, i luoghi da non perdere, i consigli di viaggio e i migliori voli e hotel che renderanno il tuo viaggio indimenticabile.

Informazioni Utili

Lingua Thailandia
La lingua ufficiale della Thailandia è il thailandese. Grazie all’avvento del turismo, l’uso dell’inglese è sempre più diffuso, sebbene sia limitato a luoghi turistici come hotel e ristoranti.

Visto Thailandia
Per entrare in Thailandia è necessario avere un passaporto con minimo 6 mesi di validità.
Nel caso di soggiorni inferiori a 30 giorni, i cittadini della maggior parte dei paesi americani ed europei possono entrare in territorio thailandese senza visto.

Fuso orario Thailandia
L’orario ufficiale in tutta la Thailandia è il GMT+7. Rispetto all’orario italiano, in Thailandia dovremo spostare le lancette degli orologi di 5 ore in avanti in estate e 6 ore in avanti in inverno.

Elettricità e prese di corrente Thailandia
Nella maggior parte degli hotel le prese di corrente sono miste: troverete sia le prese a spina americana sia quelle a spina europea. Non avrete bisogno di adattatori.

Valuta Thailandia
La valuta ufficiale di Bangkok è il Baht (THB). Vi sono banconote da 20, 50, 100, 500 e 1000 bath e monete da 1, 5 e 10 bath. Esistono anche monete da 25 e 50 satang (100 satang equivalgono a 1 bath).

Il clima in Thailandia
Il clima di Bangkok è molto caldo e umido. Le piogge sono frequenti e abbondanti. Per ulteriori informazioni sul tempo di Bangkok, cliccare sul link sottostante:

Vaccini necessari in Thailandia
Per visitare Bangkok, Chiang Mai, Phuket, Krabi e altri luoghi di interesse turistico non è necessario vaccinarsi. Se avete in programma di percorrere luoghi che esulano dai circuiti più classici, vi consigliamo di contattare un centro di vaccinazioni internazionali.

Numeri di telefono utili
• Polizia turistica Thailandia: 1155/1699
• Polizia ed emergenze mediche Thailandia: 191
• Pompieri Thailandia: 199

20 Giorni
1
Day 1: Volo di andata dall'Italia
Viaggio dall’Italia e arrivo a BANGKOK (city of angels) Chi arriva in Thailandia dall’Italia passa da Bangkok, una tappa quindi obbligatoria ma anche irrinunciabile! Magnifica capitale della Thailandia e porta d'accesso all'Asia, è un'affascinante metropoli di templi dorati e grattacieli super moderni, di Sky Bar dove sorseggiare un cocktail fissando l'orizzonte e di mercati tradizionali sull'acqua, di limousine di lusso e tuk tuk su cui sfrecciare nel traffico. A Bangkok futuro e passato si mescolano perfettamente. Quando arriverete a Bangkok, verrete immediatamente travolti dai rumori, dagli odori, dagli ingorghi e dalla folla. In altre parole, vi ritroverete totalmente immersi nell’atmosfera di questa città!
2
Day 2: Bangkok
Ecco cosa visitare a Bangkok:
  • Il Grande Palace (o Palazzo Reale): un sito emblematico, una delle attrazioni di Bangkok più visitate. All’interno, sarà possibile ammirare il tempio del Buddha di Smeraldo (Wat Phra Kaew), un museo e una serie di padiglioni davvero scenografici.
  • Il Wat Pho è il terzo tempio più famoso di Bangkok. Qui potrete vedere la famosa statua del Buddha sdraiato lunga 45 metri e farvi fare un autentico massaggio tradizionale thailandese.
  • Il Wat Arun: questo tempio Buddista si trova lungo il fiume, dall’altra parte del Palazzo Reale. Comprende un Prang centrale (una torre) alto 82 metri, interamente ricoperto da piccoli pezzi di porcellana colorata e statue.
  • Il Flower Market, il più grande mercato dei fiori in Thailandia
  • Il Wat Mahathat, il tempio della Grande Reliquia di Buddha.
  • Il Mercato degli amuleti, si trova non lontano dal Palazzo Reale, adiacente al molo sul Chao Phraya, Tha Maharaj. Il culto degli amuleti a Bangkok e in Thailandia è molto forte ed ha origini molto antiche.
  • Il Wat Suthat e la Giant Swing, il tempio è famoso appunto per la spettacolare altalena rossa davanti al suo ingresso. sera: Patpong Night Market, il mercato delle copie di ogni genere, dall’abbigliamento all’elettronica; si trova in una delle zone rosse di Bangkok ma ciò non significa che è raccomandato al 100%, il posto è sempre pieno di gente ed a volte può sembrare un po' caotico a causa dei Go-Go bar nella zona e il numero dei turisti che visitano questi posti.
3
Day 3: Bangkok
  • Chinatown: il vivace e affollato quartiere della Chinatown, con molti stand e negozi. Qui, non dovreste perdervi il Wat Traimit, un tempio che ospita la più grande statua d’oro del mondo (5.5 tonnellate!).
  • Il distretto del Siam nel quale troverete molti centri commerciali tra cui l’MBK Center o il Siam Paragon. Questa è la zona più famosa per fare shopping a Bangkok.
  • La Jim Thompson’s House, un complesso composto da diverse antiche strutture abitative Thai completamente in legno di tek, create dall'uomo d'affari statunitense che diede vita all’industria della seta thailandese, per raccogliere la sua collezione di opere d'arte.
  • Il Wat Saket (Montagna d’Orata) costruito su una collina, il tempio offre una vista panoramica su tutta la città.
  • Il Loha Prasat è tra gli edifici più originali e straordinari di Bangkok chiamato “castello di metallo”, per le sue guglie dorate, si trova all’interno di Wat Ratchanatdaram, grande complesso templare costruito da Re Nangklao, Rama III, in onore di sua nipote
  • Il Democracy Monument posto al centro di un viale di palazzine di linee razionaliste che rievocano il Foro Italico a Roma
  • Sera: Khao San Road: precedentemente nota come zona per backpacker, Khao San Road è adesso visitata da tutte le categorie di turisti. Davvero vivace, ci sono negozi, bar, ristoranti e pensioni dove dormire a Bangkok davvero economiche. Se volete fare un tattoo questo è il posto adatto! ;-)
4
Day 4: Bangkok
il Damnoen Saduak Floating, il più grande mercato galleggiante, a circa un’oretta e mezzo da Bangkok si presenta come una serie infinita di bancarelle, visitabili sia a piedi, sia navigando per i canali; è divertente attraversare parte dei canali a bordo delle tipiche imbarcazioni, seppur guidate in modo un po' spericolato. Si vende ogni tipo di souvenir e di cibo da strada, inutile dire che è necessario contrattare sul prezzo prima di acquistare, un luogo sicuramente turistico ma molto caratteristico! Il Maklong Railway Market, da lontano può sembrare un semplice mercato ma è impressionante come tutte le bancarelle su carretti dotati di ruote si spostino veloci all’arrivo del treno. il mercato sparisce in pochi secondi per poi rifiorire un attimo dopo, con il treno ancora vicino che lentamente avanza abbandonando le rotaie; davvero curioso! sera: consigliamo una crociera in una delle tante Navi-Ristorante sul Chao Phraya, bellissimo ammirare lo skyline notturno di Bangkok mentre si è a cena.
5
Day 5: Bangkok
  • Wat Intharawihan o Wat Indravihan è un tempio buddista situato nel quartiere di Dusit, non lontano dal fiume Chao Phraya, famoso per la sua enorme statua del Buddha in piedi (32 mt).
  • Wat Benchamabophit (Tempio di marmo di Carrara) un bel complesso realizzato in marmo bianco di Carrara (il re era in ottime relazioni con l'Italia), semplice nel suo interno con varie statue di Buddha. Riveste una notevole importanza per la bella rassegna di Buddha collocati in una specie di porticato posto dietro il tempio, vi si trovano Buddha thai dei vari periodi e località, poi statue birmane, laotiane, indiane, coreane, cinesi e perfino giapponesi, ciascuno col proprio stile. E' davvero una curiosità non da poco.
  • Il Parco Dusit è un piccolo luogo di pace nella caotica Bangkok, con i suoi percorsi d'acqua, e le sue attrazioni da visitare. Molto bella la residenza Vimanmek tutta in legno di teak sino al suo padiglione sulla riva del lago.
  • se c'è tempo Dusit Zoo
  • giretto in tranquillità tra i centri commerciali nel quartiere di Sukhumvit (Emporium e Terminal21)
  • massaggio tradizionale in uno dei tanti centri massaggi
  • aperitivo di lusso allo Sirocco Restaurant & Skybar,in cima al Lebua Hotel State Tower (63° piano) con la sua splendida cupola d’oro; qui è dove hanno girato Una notte da Leoni 2; imperdibile per la vista e il tramonto mozzafiato!!!
  • sera: cena e giretto in CHINATOWN, molto bella tutta illuminata.
6
Day 6: Tour del Nord
Prima tappa a Bang Pa In, conosciuto anche come Palazzo d’Estate (residenza estiva del re), un complesso di palazzi e giardini meravigliosi che sorgono sulle rive del fiume Chao Phraya, nella provincia di Ayutthaya. Successivamente si prosegue per Ayutthaya, l'antica capitale thailandese che dista solo un'oretta da Bangkok. Oggi le rovine di questa città rappresentano uno dei siti archeologici più visitati dell'intera Thailandia. Il Parco Storico di Ayutthaya, Patrimonio UNESCO, è costituito da oltre 400 templi, visita della citta e del suo Ayutthaya Historical Park.
7
Day 7: Sukhotai e Chiang Mai
Sukhothai; anche Sukhothai in passato è stata capitale del Paese e anch'essa ospita un Parco Storico meraviglioso protetto dall'UNESCO che andremo a visitare. Successivamente, sulla strada per Chiang mai, visiteremo Sri Satchanalai; questa città fa parte di un parco storico con molti templi in rovina da visitare, molto ampio, consigliamo il noleggio delle biciclette. Riprenderemo l’auto fino ad arrivare a Chiang Mai e e sistemazione in hotel. Chiang Mai è la seconda città più importante della Thailandia. Racchiusa tra le mura, ricca di templi e decisamente più tranquilla di Bangkok, tanto che moltissimi backpacker e nomadi digitali hanno messo radici proprio qui. A piedi possiamo goderci un primo giretto dentro le mura della città; il centro storico di Chiang Mai è perfettamente delineato da un fosso e da una muraglia che si costruirono per difendere la città dagli attacchi dei Birmani; dentro le mura ci sono più di 300 templi! Ma non solo di templi vive il centro di Chiang Mai... non tarderai molto ad avere fame: l’odore degli spiedini di pollo è irresistibile, e per superare l’umidità tailandese niente di meglio che un shake, un frullato di frutta fresca e deliziosa. Per quanto riguarda i templi, da non perdere sono il Wat Chedi Luang (è il più grande tempio del regno di Lanna, elefanti sulla base dello stupa, naga (serpenti mitici) fiancheggiano le scalinate. Nelle 4 nicchie della struttura immagini di Buddha, di cui uno è la copia del Buddha di smeraldo che si trova a Bangkok; girate intorno al tempio e vedete nel viharn (sala delle cerimonie) un grande Buddha disteso di 10,5 metri, bellissimo) e il Wat Phra Singh (Splendido templio in stile Lanna, ubicato centralmente a Chiang Mai facente parte di un complesso di edifici religiosi. Il più antico e più pregevole templio ricorda nello stile le architetture nordiche tipiche delle case comuni scandinave, pure l'interno, tutto in legno di tek finemente decorato con affreschi alle pareti, scuro; atmosfera solenne e intimista, il grande Buddha dorato è in stile Sri Lanka, evidenziato dalla fisionomia del viso tonda e dal bocciolo fior di loto sul capo piuttosto piccolo. Notevoli le pitture alle pareti, alcune assai deteriorate che raccontano la vita dei monaci e del Buddha. Curiosa anche la zona di Chinatown e la sera andare assolutamente al Night market vicinissimo all’hotel!
8
Day 8: Chiang Rai
Partenza da Chiang Mai verso Chiang Rai  Arrivo a Chiang Rai; piccola ma deliziosa, Chiang Rai è la base perfetta per chi desidera esplorare i paesaggi thailandesi del Nord. Visita al famoso White Temple (tempio bianco) simbolo della città, (o meglio, Wat Rong Khun), uno spettacolare tempio bianco modernissimo, intriso di significato e ricco di dettagli da interpretare; è uno dei templi più belli che io abbia visto in tutta la Thailandia; completamente bianco e ricoperto di specchi, il tempio conquista e non rende facile il venirne via. Dopo il templio, escursione presso un villaggio tribale di etnia Akha e Karen, una tribù molto famosa per le sue “donne dal collo lungo”, conosciute anche come “donne giraffa”; in questo villaggio potrete incontrare le minoranze etniche appunto con i loro tradizionali costumi, e vederli nella loro quotidianità. Visita alla Black House, Baan Daam di Chiang Rai, un complesso misterioso di case in legno (tutte rigorosamente verniciate di nero) in parte museo (con ampie raccolte di oggetti di legno, scheletri, corni e pelli di animali) e in parte art studio a cielo aperto. Visita alla pagoda Wat Huay Plankung, fusion di tradizione cinese e thai, la pagoda è alta 9 piani, ogni piano ha delle bellissime statue intagliate di legno di cedro, dall’ultimo piano si gode di una vista unica su tutta la città di Chiang rai.  Albergo a Chiang Rai. La sera volendo si potrebbe andare al curioso Night Bazaar a strafogarsi di insetti fritti, ma tranquilli c’è anche cibo normale!
9
Day 9: Triangolo d'oro e Chang Mai
da Chiang Rai escursione in villaggio Karen (Baan Ruammit) dove si farà il trekking con l’elefante Si prosegue poi e all’estremo nord della provincia di Chiang Rai si trova una zona denominata “Triangolo d’Oro” dove il fiume Mekong e il fiume Ruak si incontrano creando così la linea di frontiera tra la Thailandia, il Myanmar e il Laos; arrivati qui, navigazione del Mekong della durata di 30 minuti con la tradizionale barca dalla lunga coda. Visita dell’isola in Laos con visto temporaneo giornaliero.  Nel pomeriggio partenza per la Mae sai, visita del mercato di confine con il Myanmar e relativa visita al mercato birmano di Tachilek. Partenza per la grotta della scimmia. Al termine partenza per il centro di Chiang Rai Arrivo a Chiang rai e BUS (GreenBus Thailandia)verso il ritorno a Chiang Mai. Albergo a Chiang Mai.
10
Day 10: Chang Mai
Affittiamo uno scooter e andiamo a visitare la zona fuori dalle mura di Chang Mai, stupenda anch’essa. Andremo a vedere il fantastico Wat Phra That Doi Suthep, edificato a oltre 1000mt di altitudine; la storia del Doi Suthep è legata alla leggenda di un mitologico elefante bianco, si dice infatti che un monaco di nome Sumanathera andò dal re Kuena porgendogli in dono un osso dalle proprietà magiche appartenuto al Buddha. Deciso a costruire un tempio in cui porre la reliquia ma incerto sul sito, il sovrano legò l’osso alla schiena di un elefante bianco e lasciò l’animale libero nella giungla; esso camminò per vari giorni seguito dai servitori del re fino a quando raggiunse la cima del Doi Suthep, dove morì. In quel punto esatto venne eretto l’edificio (imperdibile la scalinata con i dragoni per arrivarci); da quassù si potrà godere di una vista fantastica su tutta la città. Proseguiremo il nostro tour fino ad arrivare al Doi Pui Hmong, villaggio di etnia Hmong situato in un collina caratterizzata da una moltitudine di fiori e piante tipiche della regione. All'interno del villaggio è presente una piccola rassegna dedicata alle popolazioni tribali che da secoli vivono nei territori situati tra la Thailandia del Nord e la Myanmar (The Hill Tribes Museum), inoltre vi sono casette strette le une alle altre e alcuni giardini a terrazze e una piccola cascata. Le tribù delle colline sono gente lieta di ricevere i visitatori poiché la maggior parte di queste comunità sono povere e rurali, le opportunità economico-turistiche sono sempre accolte favorevolmente. La maggior parte delle tribù delle colline sono migrate nella regione nel corso degli ultimi 100/150 anni dall'interno del sud-est asiatico ed hanno in gran parte conservato i loro modi, usi e costumi tradizionali e costituiscono un affascinante entità storica e culturale. Preferiscono vivere sulle montagne al di sopra dei 1.000 metri, e fuggire dal mondo esterno. Ci sono 7 raggruppamenti di massima: Karen, Lahu, Hmong, Lisu, Akha, Mien, e Padaung. Tuttavia,all'interno di queste categorie, ci sono sotto-categorie e clan divisi in gruppi; ogni tribù ha la propria zona-collina, costumi, lingua, abiti e credenze spirituali; ad esempio, i Hmong Verdi e i Hmong bianchi parlano in dialetti diversi e distinti e vestono in modo diverso. Dopo aver visto il villaggio possiamo andare a fare un piccolo trekking per vedere la cascata Monthathan Waterfall; è una cascata di nove livelli che scorre su una grande roccia levigata ed è piuttosto suggestivo vedere le varie piscine che si creano ai piedi di ogni livello. Alcune di queste sono abbastanza grandi addirittura per nuotare e alcuni abitanti del luogo sono soliti rinfrescarci qui; attraverso una passeggiata di soli 5 minuti si arriva a ridosso di un livello; è facile scorgere anche diverse specie di uccelli. Dopo la visita possiamo dirigerci verso la città, fermandoci però alle più semplici, ma molto belle da vedere, cascate cittadine di Huay Kaew Waterfall La sera prenderemo un volo interno AEREO CHIANG MAI – PHUKET
11
Day 11: Phuket
Phuket è situata nel sud del paese, nel Mare delle Andamane, è l’isola più grande della Thailandia e sicuramente una delle più turistiche. A Phuket, tutte le attività sono concentrate sul lato ovest dell’isola, in particolare vicino Patong. Se desiderate andare al bar o in una discoteca, dovreste fare un salto a Bangla Road. A Patong troverete anche una spiaggia molto popolare, così come una serie di hotel per tutte le tasche, dai grandi resort alle piccole pensioni. Se vi piace divertirvi e far festa, questo è il posto perfetto! Preferite invece rilassarvi e godervi la calma? Nessun problema, ci sono anche spiagge più tranquille sull’isola, come la spiaggia di Kata o la spiaggia di Nai Harn. Tuttavia, non aspettatevi di avere la spiaggia tutta per voi! Fondamentale noleggiare uno scooter e girarsi tutte le spiaggette! Il primo giorno a Phuket lo dedicheremo alla parte ovest dell’isola; con la magnifica Paradise Beach, una spiaggia lunga circa 150mt, si trova nel punto più a nord del promontorio e il mare è molto bello colore turchese, si può anche fare snorkeling, spiaggia attrezzata di bagni e bar ristorante ed alle spalle la collina ricoperta di vegetazione. Ci sono palme e mandorle tropicali che fanno ombra, grandi rocce di granito alle due estremità della spiaggia e una barriera corallina a circa 100 metri dalla riva. Inoltre vi è una splendida vista proprio di fronte Patong Bay; volendo c’è un'altra piccola spiaggia accanto ad esso, raggiungibile con un sentiero tra le rocce. Nel pomeriggio ci sposteremo e andremo a alla curiosa Tri Tran Beach, sabbia bianca ed il panorama dà su Patong; il lato più piacevole è forse quello occidentale, meno urbanizzato, gli ombrelloni ci sono ma si allungano in un’unica fila e non danno troppo fastidio allo sguardo. Qui lo tsunami colpì duro, i coralli non si sono ancora ripresi. Le alte e scenografiche palme piantate di recente hanno invece rimpiazzato le casuarine fatte fuori dalle onde ed hanno anche abbellito tutta la scena; ci sono diversi ristorantini thai posizionati strategicamente lungo la spiaggia. La cosa simpatica è la presenza di YaYa, un cucciolo di elefantino che viene a fare il bagno in mare! Infine per concludere vedremo l’ultima spiaggia della giornata, Patong Beach. La spiaggia non è delle migliori qui a Phuket, è pubblica ma attrezzata, in mare decine di moto d’acqua, barche e motoscafi per il para-sailing rendono la scena tutt’altro che tranquilla ed idilliaca. Patong è senza dubbio la spiaggia più caotica ed affollata di tutta Phuket ma la sabbia è bella, dorata ed il mare, almeno nella stagione secca, è azzurro ed invitante. Non si può certo definire una brutta spiaggia, anzi; in particolare quella più settentrionale, tranquilla e meno affollata della parte centrale. Per la sera ci aspetterà un bel giretto per Patong! Di notte diventa il centro di tutta la vita notturna dell'isola; a Bangla Road troverete discoteche, clubs, go go bar, birrerie, numerosi ristoranti, ring per la thai boxe e cinema. Su Thaweewong Road, il lungomare di Patong, trovi food vendors in abbondanza, così come bancarelle di ogni tipo e venditori di souvernirs, infatti lo shopping è un' altra attrazione principale, praticamente su tutte le strade potete trovare svariati venditori che offrono bigiotteria, vestiti, elettronica, arte, videogames, CD, DVD, e quasi tutto cio che si potrebbe desiderare. La qualità varia da centri commerciali di classe mondiale come Jungceylon a economici mercatini dove i prezzi non sono fissi. Se quello che cercate sono il lusso, la cucina internazionale e la vita notturna non vorrete più andarvene da Patong Beach!
12
Day 12: Phi Phi Island
Oggi dedicheremo la giornata all’escursione alle famosissime Phi Phi Islands!!! La fortuna di essere a Phuket è proprio questa, hai la possibilità di visitare l’intera isola ma anche di prendere una barca e andare in tutte le più famose isole limitrofe. Le Phi Phi Islands sono un arcipelago di sei minuscole isole a sud di Phuket con sabbia fine come il borotalco e rocce spigolose che spuntano da acque cristalline, un vero e autentico paradiso! Solo due delle sei isolette sono aperte al turismo, Phi Phi Leh e Phi Phi Don, la più grande e la più famosa; frequentata dalla maggior parte dei turisti provenienti da tutto il mondo. L’isoletta è raggiungibile solo in barca dopo 45 minuti di navigazione dall’isola di Phuket. Le Phi Phi sono il paradiso della Thailandia, circondate dal Mare delle Andamane, è un susseguirsi di baie nascoste e deserte; non esistono strade ma solo sentieri da percorre a piedi; la spiaggia più famosa è Maya Bay, è qui che è stato girato il film The Beach con Leonardo Di Caprio. Protetta da scogliere alte fino a 100 mt, comprende numerose spiagge, alcune visibili solo con la bassa marea.
13
Day 13: Phuket Sud
Questa giornata la dedicheremo all’esplorazione della zona ovest sud dell’isola di Phuekt. Andremo sulla spiaggia di Ao Sane Beach, una spiaggia rocciosa di 200mt sulla costa sud-occidentale appunto; è uno dei segreti più belli dell'isola, immersioni e snorkeling stupendi. In seguito un’altra bella spiaggetta, Ya Nui Beach, una piccola e affascinante insenatura con snorkeling, kayak e pesca che appare all’improvviso dalla ripida strada che da Nai Harn porta a Phromthep Cape. La sabbia è meravigliosamente morbida ed i bambini amano raccogliere conchiglie su questa spiaggia. Ya Nui si trova all'ombra di due dei punti di vista più belle di Phuket; Phromthep e il punto di vista che caratterizza i grandi generatori di energia mulino a vento/elica bianchi. Uno scoglio in mezzo alla baia crea due baiette di magnifica sabbia, tutto intorno scogliere e verdi colline, senza costruzioni in vista, acqua azzurra particolarmente invitante. La baia è minuscola ma c’è un baretto con la musica e i soliti ristorantini subito al di là della strada. Infine concluderemo la giornata mare con l’ultima spiaggia, Naihan Beach, una bella spiaggia con vegetazione tutto intorno, un lago davanti al mare cristallino; con l'arrivo della bassa marea si formano lingue di sabbia e dal lago l'acqua fluisce verso il mare dando vita ad una sorta di idromassaggio naturale. Prima di cena, tappa al Promthep Cape che offre un panorama mozzafiato della baia di Nai Harn; è uno dei più bei posti dell' isola per attendere il tramonto! Finiamo la giornata in bellezza arrivando a Rawai, la città degli zingari di mare; qui si può andare a fare un giro dove ci sono le bancarelle di perle a poco prezzo e cenare a bordo spiaggia in uno dei ristoranti thai dove si può mangiare ogni tipo di pesce o crostaceo comprato dai pescatori a prezzi irrisori e farselo cucinare nel ristorantino di fronte.  A Rawai ci sono i Chao Leh, gli ultimi rappresentanti di una popolazione Indo-pacifica, di religione animista, immigrata nel Mar delle Andamane circa 5000 anni fa. Questa popolazione di pescatori oggi ridotta a circa 400 individui, è vissuta liberamente nell'isola fino a qualche anno fa. Questi sono gli unici veri abitanti di Phuket.
14
Day 14: James Bond Island
Giornata dedicata all’escursione alla stupenda James Bond Island!!! L’isola di Khao Phing Kan, denominata anche James Bond Island a causa del fatto che è stata scelta come location per film 007 “l’Uomo dalla pistola d’oro” con Roger Moore, si trova al centro della baia di Phang Nga a pochi chilometri a nord est di Phuket. La sua particolarità è l’imponente roccia in mezzo al mare che, guardandola da lontano, sembra quasi una gigantesca unghia che s’immerge nell’acqua di mare. Bellissima e molto suggestiva!  
15
Day 15: Phuket Sud/Ovest
Oggi vedremo la parte più “storica” diciamo dell’isola di Phuket, la zona sud/ovest; in mattinata andremo alla bellissima spiaggia di Kata Noi Beach, un’accogliente piccola baia che si trova alla fine di una spiaggia cul-de-sac; a Kata Noi a parte ammirare il meraviglioso paesaggio, ci si può rilassare, fare una passeggiata lungo la sabbia soffice e fare dell’ottimo snorkeling. La sezione intermedia della spiaggia è fronteggiata da un terreno deserto che forma un piacevole spazio pubblico all' ombra delle palme da cocco. A Kata Noi potete trascorrere una mattinata lontano dalla calca delle spiagge più grandi. In seguito tappa sulla terrazza del Karon view point, rappresenta il panorama più famoso di Phuket. Situato lungo la costa sud-orientale dell'isola, tra Kata Beach e Nai Harn Beach, il Karon Viewpoint garantisce una splendida veduta panoramica delle tre baie di Kata Noi, Kata e Karon e dell'isola di Koh Pu. Dopo aver ammirato il panorama e fatto un po’ di foto possiamo andare in direzione Kata beach; qui ci si può fermare un po’ in spiaggia se si ha voglia oppure fare un giretto per Kata nel centro abitato e nel lungomare. La zona di Kata Beach è una popolare destinazione per famiglie, la maggior parte delle attività hanno luogo attorno a Kata Yai, una lunga spiaggia con numerosi lettini e ombrelloni, qui potete rilassarvi oppure godere degli sport acquatici; molti hotel e resort costeggiano la strada lungo la spiaggia. Nel villaggio di Kata potete trovare ristoranti sia di cucina Internazionale che cucina Thai. Di sera potete farvi una birra in uno dei piccoli bar della zona mentre ascoltate un po' di musica dal vivo. Proseguiremo il nostro tour dell’isola in scooter alla scoperta del magnifico Big Buddha (Wat Phra Yai)! Il complesso è situato alla sommità del Khao Nak Koet, in posizione panoramica sulla Baia di Chalong; la statua del Mingmogkol Buddha di Phuket è larga 25 e alta ben 45 metri! Spettacolare! Successivamente visiteremo il Wat Chalong Temple,il tempio più visitato sull' isola; ha la particolarità di avere un' inconvenzionale pagoda che offre ai visitatori qualcosa di straordinario. Con la sua architettura tipica Thailandese è il tempio buddista più significativo ma anche il più grande dei 29 monasteri presenti sull'isola. Simile ai moltissimi Wat presenti in Thailandia, è abitato dai monaci Luang Pho Chaem famosi per lo studio della medicina a base di erbe... Moltissimi Thai, ma anche turisti, effettuano un vero e proprio pellegrinaggio al tempio per ricevere la benedizione dei monaci, che solitamente si conclude legando una stringa bianca al polso. Questa stringa di stoffa ha un potere benefico e protegge da malattie e sfortuna. Il complesso del Tempio è dedicato a Luang Por Cham, monaco buddista che dedicò tutta la sua vita a sostegno della gente di Phuket, appassionato di medicina, Luang Por Cham guidò la rivolta dei minatori contro lo sfruttamento da parte dell'Impero Cinese; venne riconosciuto ufficialmente come "patriota" da Re Chulalongkorn (Rama V). Successivamente, il Tempio di Chalong venne denominato "Wat Chaitararam", Il Tempio della Vittoria. Dopo il tempio sarà la volta del gigantesco Phuket Town Weekend Market, dove sarà possibile anche mangiare qual cosina di particolare e tipico; questo mercato molto popolare sul bordo di Phuket Town vende una vasta gamma di prodotti abbigliamento, accessori, giocattoli, souvenir, CD, artigianato e tutti i tipi di altre cose. Si tratta di un mercato relativamente nuovo situato sulla Wai-Rat-Hong-Yuk Road. Si svolge il sabato e la domenica da metà pomeriggio fino alle 23:00. Vale la pena di arrivare presto perché diventa molto affollato la sera tardi. Ci vorrà un’ora per fare una passeggiata, anche se non state acquistando niente.
16
Day 16: Similan Island
Questi due giorni saranno dedicati all’escursione sulle, per quanto riguarda il mio pensiero personale, isole più belle del mondo!!!! Le Similan Island! Le Isole Similan si trovano a nordovest di Phuket, nel mare delle Andamane. Questo arcipelago composto da 9 isole è una zona protetta che costituisce il Parco Nazionale Marino delle Isole Similan. È il posto ideale in cui fare immersioni in Thailandia, le Isole Similan sono tra i 10 siti più belli del mondo. L’acqua è particolarmente cristallina e popolata da molti pesci e coralli; potrete scoprire ed esplorare alcuni dei fondali marini più belli del mondo.
17
Day 17: Similan Island
Seconda giornata alle magiche Similan Island
18
Day 18: Phuket Nord
Oggi ultima giornata a Phuket che dedicheremo al nord dell’isola; la mattina andiamo alla bella Laem Singh Beach, una spiaggia di 150 metri situata sotto un promontorio, immerso in una baia nascosta circondata da palme e costellato di massi giganti, si ha una sensazione di spiaggia segreta. Lo scenario è molto tropicale, qui la giungla arriva a pochi passi dal mare, la vegetazione sembra abbracciare tutta la spiaggia! Questa spiaggia si trova tra Kamala e Surin beach. Andarci di mattina quando il mare non è mosso e c’è la bassa marea per fare dell’ottimo snorkeling; una scarpinata da fare ma stupendo! Non lontano da Laem Singh sarà la volta della scoperta della “segreta” Banana beach! Sulla strada che porta al Sirinat National Park troviamo questa spiaggia che fino a qualche anno fa era un piccolo segreto; oggi è ancora un gioiello di spiaggia ma sono in diversi ormai a conoscerla ma vale la pena andarci anche perché difficilmente risulta davvero affollata. Non si vede dalla strada ma il breve sentiero che dalla collina scende alla spiaggia attraverso il bosco è ora facilmente individuabile e non dà più problemi. La spiaggia è davvero bella, soprattutto con la bassa marea quando è più ampia e vivibile; l’acqua del mare è magnifica, particolarmente limpida, un invito ai bagni ed allo snorkeling. Nel pomeriggio ci spostiamo verso la zona di Kamala Beach, qui possiamo fare un giretto a piedi, la spiaggia non è una delle migliori, una delle cose interessanti è il monumento per le vittime dello Tsunami del  2000 in un piccolo parco circa a metà della spiaggia. Kamala Beach è una tranquilla comunità musulmana adatta a famiglie e coppie che amano rilassarsi, la spiaggia è tranquilla e pulita, nonostante l'area si sia recentemente sviluppata. Kamala ospita anche il più importante parco a tema di Phuket, il Phuket FantaSea. Con un cast che include 50 elefanti, abili ginnasti e artisti, ed elaborati costumi ed effetti speciali, offre una serata fuori fantastica e differente. Il parco ha anche un soddisfacente buffet insieme a giochi e negozi.
19
Day 19: Bangkok
Lasciamo lo stupendo mare di Phuket per trascorrere l’ultimo giorno in suolo Thailandese alla volta della capitale Bangkok. A secondo del tempo a disposizione e dalle tappe magari saltate all’inizio del nostro viaggio possiamo viverci ancora la caotica città; potremmo andare su un altro dei numerosi Sky Tower, visitare un mercato locale, andare a uno dei giganteschi centri commerciali!
20
Day 20: Volo di ritorno in Italia
Viaggio di ritorno in Italia.

Tour Location

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Cras sollicitudin, tellus vitae condimentum egestas, libero dolor auctor tellus, eu consectetur neque elit quis nunc. Cras elementum pretium est.
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Donec viverra purus vitae venenatis laoreet. Phasellus tincidunt rhoncus rutrum. Mauris a eleifend nisl. Cras ac bibendum massa. Maecenas et pellentesque dui, vitae varius enim. Ut sit amet turpis lacus. Suspendisse interdum nunc et enim congue fermentum. Aliquam a turpis ac orci pulvinar venenatis. Ut tincidunt ante ex, tempus lobortis leo luctus non. Nulla mattis libero eu tincidunt fermentum. Vestibulum iaculis ac leo et dictum. Etiam porta faucibus orci, in auctor magna vehicula eu. Proin aliquam accumsan est. Sed mattis fringilla eros, ut viverra leo rhoncus id. Mauris vestibulum venenatis diam id pretium. Duis eu est efficitur, egestas nisl non, finibus arcu. Proin quis lorem in purus.
Sad naeos, mauris in erat justo. Nullam ac urna eu felis dapibus condimentum sit amet a augue. Sed non neque elit. Sed ut imperdiet nisi. Proin condimentum fermentum nunc. Etiam pharetra, erat sed fermentum feugiat, velit mauris egestas quam, ut aliquam massa nisl quis neque. Suspendisse in orci enim. Suspendisse in orci enim. Sed non mauris vitae erat consequat auctor eu in elit. Class aptent taciti sociosqu ad litora torquent per conubia nostra, per inceptos himenaeos. Mauris in erat justo. Nullam ac urna eu felis dapibus condimentum sit amet a augue. Sed non neque elit. Sed ut imperdiet nisi. Proin condimentum fermentum nunc. Etiam pharetra, erat sed fermentum feugiat, velit mauris egestas quam, ut aliquam massa nisl quis neque. Suspendisse in orci enim. Sed non mauris vitae erat consequat auctor eu in elit. Class aptent taciti sociosqu ad litora torquent per conubia nostra, per inceptos himenaeos. Mauris in erat justo. Nullam ac urna eu felis dapibus condimentum sit amet a augue. Sed non neque elit. Sed ut imperdiet nisi. Proin condimentum fermentum nunc. Etiam pharetra, erat sed fermentum feugiat, velit mauris egestas quam, ut aliquam massa nisl quis neque. Suspendisse in orci enim.

Leave a Reply

Accommodation
Meals
Overall
Transport
Value for Money