Siamo il tuo compagno di viaggi in giro per il mondo. Tu ci racconti l'idea, noi te la confezioniamo nei dettagli.

OrganizzareViaggi.it
Seguici su
GO UP

Tour Islanda 10 giorni in inverno

separator
Prezzo €1000 9 Giorni
Scorri sotto

Tour Islanda 10 giorni in inverno

€1000 a persona

L’Islanda, letteralmente terra di ghiaccio, è un’isola vulcanica dell’Atlantico settentrionale, situata a ridosso del Circolo Polare Artico. Questa terra magica, dove tra le distese di roccia e i parchi naturali si possono incontrare qua e là dei pittoreschi villaggi di pescatori da visitare o delle belle città da scoprire. La sua bellezza lascia senza fiato, è possibile vedere nel giro di poche ore imponenti cascate tra le più grandi d’Europa, veri e propri ghiacciai tra i più estesi del mondo, lagune puntellate di iceberg, vulcani tra i più attivi e pericolosi d’Europa, e naturalmente geyser, pozze di fango ribollenti, piscine termali naturali e lo spettacolo meraviglioso dell’aurora boreale!

Informazioni Utili

Lingua

L’islandese è la lingua nazionale. L’inglese è la seconda lingua ufficiale ed è parlato ampiamente..

Visto

Per entrare in Islanda non è necessario avere un visto né è obbligatorio il passaporto ma basta la carta d’identità per i cittadini UE. L’Islanda pur non aderendo all’UE, è un membro associato dell’accordo di Schengen, che esenta i viaggiatori dai controlli personali di frontiera tra i 22 Paesi dell’Unione europea. Per i residenti al di fuori della zona Schengen, è necessario un passaporto valido per almeno tre mesi oltre la data d’ingresso.

Fuso orario

In Islanda vige l’ora di Greenwich (GMT) per l’intero corso dell’anno. Non esiste l’ora legale. La differenza con l’ ora italiana è dunque di 1 ora. Pertanto, nel periodo estivo, quando in Italia entra in vigore l’ora legale, la differenza oraria con l’ Islanda ammonta a 2 ore.

Valuta

L’unità monetaria islandese è la Corona (ISK). Le monete sono in denominazioni da 100 kr., 50 kr., 10 kr., 5 kr. e 1 kr. Le banconote sono in tagli da 10.000 kr., 5.000 kr., 2.000 kr., 1.000 kr. e 500 kr. Sono accettate tutte le principali carte di credito, soprattutto da parte di alberghi, ristoranti, negozi e stazioni di rifornimento. Uffici di cambio sono operanti in tutte le banche islandesi e sono generalmente aperti nei giorni feriali dalle 9:15 alle 16:00.

Elettricità e prese di corrente

La corrente elettrica in Islanda è di 220 volt, 50 HZ AC. Le prese elettriche sono a due spine, tipo C e tipo F. Occorre munirsi di un adattatore.

Il clima

Grazie alla corrente del Golfo, l’Islanda gode di un fresco clima marittimo temperato; fresco d’estate e abbastanza mite in inverno. Tuttavia, il tempo è molto variabile e i turisti devono essere preparati agli imprevisti. Per informazioni meteo in inglese, tel.: 902-0600. http://en.vedur.is. Quando si viaggia in Islanda si dovrebbe portare con sé lana leggera, un maglione o un cardigan, un cappotto (impermeabile) e scarpe da escursione. I viaggiatori che sono in campeggio o diretti verso linterno necessitano di abbigliamento intimo e calze molto caldi, stivali di gomma e un caldo sacco a pelo.

Vaccini necessari

Per il viaggio in Islanda non sono richieste vaccinazioni o precauzioni particolari. La situazione sanitaria è buona in tutto il Paese. Si consiglia di portare con sé la Tessera Sanitaria che dà diritto all’assistenza medica secondo gli accordi tra i paesi dell’Unione Europea. I cittadini dei paesi dell’ SEE (Spazio Economico Europeo) devono portare la loro carta TEAM (Tessera Europea di Assicurazione Malattia), in caso contrario le cure saranno loro addebitate totalmente, così come ai cittadini non-SEE e non coperti dalla normativa SEE.

Numeri di telefono utili

  • • Polizia: 444 1000
  • • Emergenze: 112
  • • Assistenza medica: 1770
  • • Informazioni: 1818
9 Giorni
1
Day 1: Partenza dall'Italia + baia di Alftanes
Viaggio dall’Italia e arrivo all’aeroporto di Reykjavík (Keflavik International Airport). Il modo migliore per visitare questa splendida isola è con un fly&drive. Il periodo sarà l’inverno per riuscire a vedere la magnifica Aurora Boreale! Per vedere queste magnifiche danze nel cielo è necessario avere cieli sufficientemente bui e sereni, combinati con un’attività abbastanza forte. L’aurora boreale è dispettosa e può arrivare in qualsiasi momento anche quando meno te lo aspetti.   Il primo appostamento a caccia dell’aurora lo faremo la prima sera dalla baia della penisola di Alftanes; dove si trova la residenza Bessastadir del presidente della Repubblica d’Islanda, una vecchia fattoria. Se siamo fortunati potremmo ammirare le aurore dalla baia mentre danzano sulla città di Reykjavík riflettendosi nel mare.
2
Day 2: slitta con husky + Reykjavik
La nostra avventura islandese inizierà con un’esperienza fantastica, guidare una slitta trainata dai cani! Sentiremo la potenza, l'eccitazione e l'energia di questi fantastici cani mentre ci porteranno a spasso nel magnifico paesaggio invernale che solo questa terra può offrire. Verremo accompagnati da una guida che Condividerà con  noi le sue conoscenze e la sua passione per lo slittino. Ci sarà anche un bellissimo momento per coccolare i nostri amici a quattro zampe… obbligatorio fargli i grattini sulla pancia, che adorano!   Dopo questo must per tutti i visitatori della "Terra del ghiaccio e del fuoco", ci dirigeremo alla volta di Reykjavík. La capitale dell'Islanda  è una città piena di sorprese. In questa piccola metropoli è concentrato più del 50% della popolazione dell'intero Paese. È una città che rispetta l'ambiente, perché l'energia necessaria al suo fabbisogno viene prodotta "naturalmente". L'acqua calda proveniente dalle fonti geotermiche viene infatti utilizzata sia per il riscaldamento che per ottenere la corrente necessaria al funzionamento delle centrali elettriche. Il centro della città è caratterizzato da un susseguirsi di edifici storici e variopinti, tra i quali chiese, musei, moderne strutture alberghiere e tipiche e semplici guesthouse; il tutto affacciato sulla sua baia a dove è facile percepire l'attività frenetica e senza sosta del suo importante porto commerciale. È altresì conosciuta anche come la città con la movida più a nord del mondo. Tra le attrazioni  vedremo nella città il vecchio porto (The Old Harbour) con la sua miriade di casette colorate, la maestosa vista del Monte Esja e gli imbarchi per le escursioni in mare. Mangeremo il miglior hot dog di tutta l’Islanda; molti turisti stranieri dicono che siano i migliori hot dog del mondo. Anche i loro clienti più famosi, Bill Clinton o James Hetfield, ve lo possono confermare! Sempre nella capitale visiteremo:
  • il municipio (Reykjavík City Hall) , situato su un laghetto, circondato da belle case colorate. In inverno l'acqua è ghiacciata, tranne che per una piccola porzione, riscaldata artificialmente, in cui stazionano gli uccelli. D’estate il panorama è bellissimo, e vale la pena passarci. All'interno si trova un bel modello dell'Islanda.
  • il Tjörnin Pond, il lago localmente chiamato “la più grande zuppa di pane del mondo”.
  • la chiesa luterana in stile coloniale di Dómkirkjan.
  • il nuovo Palazzo della Musica, un auditorium e centro congressi (Harpa Concert Hall), assolutamente imperdibile.
  • la Skólavörðustígur, la principale via dello shopping e dei locali.
  • la famosissima chiesa luterana di Hallgrímskirkja, la chiesa principale e punto di riferimento per l'orientamento in città. La sua forma imponente e slanciata verso l’alto permette di vederla da ogni angolo della città. Si può salire sulla sua torre alta 75m per godere della vista della città affacciata sulla baia. Al suo interno si trova il Klais Organ, un organo a canne inaugurato nel dicembre del 1992. Lo strumento, commissionato a Johannes Klais di Bonn, in Germania, è il più grande d’Islanda, è alto 15 metri, pesa 25 tonnellate ed è composto da 5275 canne. La sua fama è dovuta alla varietà dei toni e al modo in cui si armonizza con la chiesa.
  • la Laugavegur Street, la via dello shopping di lusso, lunga circa 2 km, piena di negozi, ristoranti, pub, bar, night club, hotel e quant'altro. Si può trovare tutto per tutti i gusti. Tanta gente, turisti e locali. Merita una visita anche la sera per andare a bere qualcosa!
  • la Hofdi House costruita nel 1909 ma rimasta famosa per aver ospitato, nel 1986, l’incontro tra l’allora Presidente americano Ronald Reagan e quello dell’Unione Sovietica Mikhail Gorbachev. un passo importante per la fine della Guerra Fredda. il Solfar Monument (The Sun Voyager), sicuramente la scultura più fotogenica di Reykjavík, assieme all'Harpa una meta imperdibile e un bel punto panoramico.
  • The Pearl (Perlan): Realizzata in vetro, quest'insolita struttura a cupola copre il sistema di caldaie della città, unendo innovazione architettonica e praticità. La struttura ospita un ampio spazio espositivo, un ristorante girevole che gira su se stesso e una piattaforma dalla quale è possibile ammirare tutta la capitale.
  • La famosa scultura islandese del Sun Voyager sul lungomare.
3
Day 3: Circolo d'oro
La giornata di oggi sarà interamente dedicata al noto Circolo d'Oro, la visita in sequenza del Parco nazionale di Thingvellir, la cascata Gullfoss e l’area dei Geysir. Si comincia con il Parco Nazionale di Thingvellir (o Þingvellir - patrimonio mondiale dell'Unesco) famoso per la sua storia e la zona di grande interesse geologico che testimonia il fenomeno della deriva dei continenti; nella fossa tettonica islandese, infatti, le placche dei continenti eurasiatico e nordamericano si allontanano l’una dall’altra. È attraversato da gole profonde e faglie; la più grande di esse, Almannagjá, è considerato un vero e proprio canyon e offre uno spettacolo meraviglioso. Qui vedremo anche la bella la cascata di circa 20 metri di Öxarárfoss. Proseguiremo poi per la maestosa cascata d'oro di Gullfoss, formata dalle acque di un fiume glaciale, dal fronte tra i più lunghi in Europa per estensione; una delle più famose e spettacolari cascate d’Islanda. In inverno lo spettacolo è ancora più mozzafiato, con le sue acque bianche che si fanno strada tra i blocchi di ghiaccio e neve. Raggiungeremo poi Geysir, un’area termale con le sue vivaci piscine ribollenti e vedremo il famoso Strokkur che spruzza getti alti 20-25 metri ed erutta in media ogni 10 minuti, creando stupore ogni volta fra i turisti al suo cospetto. Proseguiremo  la visita con il cratere di Kerio (Selfoss), uno splendido lago blu formatosi dentro il cratere di un vulcano spento; i colori spettacolari rendono ulteriormente bello il paesaggio, terra rossa e tutto intorno il nulla. Continueremo poi per Hveragerði, un villaggio termale famoso per le sue serre geotermiche dove i fiori e le verdure sono coltivate tutto l'anno. Infine altra serata a caccia dell’aurora boreale!
4
Day 4: Costa sud - prima parte
Oggi faremo la prima parte del sud dell’isola; andremo a vedere la cascata di Seljalandsfoss, una splendida cascata alta e stretta che si getta da una scogliera con una grande  grotta dietro; se il terreno non è ghiacciato o scivoloso, potrete percorrere un sentiero che vi porterà alla grotta e godere una vista spettacolare da dietro la cortina d’acqua. Vedremo anche la cascata nascosta, la cascata di Gljùfrabùi. Ammireremo l’immensità del vulcano dal nome impronunciabile, il vulcano Eyjafjallajökull che con la famosa eruzione nella primavera del 2010 ha messo in ginocchio il traffico aereo di mezza Europa. Proseguiremo per la cascata di Skogafoss la più famosa dell’isola, 60 metri di caduta libera, stupenda! È l’ultima di una serie di straordinarie cascate che scendono dal famigerato vulcano Eyafjallajökull. Faremo la bellissima camminata per arrivare ai resti di un vecchio aereo, il Solheimasandur Plane Wreck. Vedremo il ghiacciaio Mýrdalsjökull, il promontorio di Dyrhólaey Arch da dove si ammira la magnifica spiaggia nera vulcanica di Vik, la Reynisfjara Black Sand Beach (Reynisdrangar); un panorama mozzafiato da dove potremmo ammirare i suggestivi faraglioni Reynisdrangar che emergono dall'oceano Atlantico, con le alte onde che si schiantano su di essi.
5
Day 5: Costa sud - seconda parte
Quest’oggi finiremo l’esplorazione della magnifica la costa del sud dell’isola; visiteremo subito il piccolo e curioso villaggio di Vík í Mýrdal che conta solamente 290 abitanti; essendo così piccolo non offre molto, principalmente un ristorante e una piccola chiesa di legno bianca con il tetto rosso, tipica costruzione religiosa in Islanda. Proseguiremo per il più grande flusso di lava al mondo, il campo lavico di Eldhraun. Creato durante l'eruzione del Laki è di importanza storica e geologica, oltre ad essere un luogo per esplorare la persistenza della flora e della fauna islandese. Ora è tutto coperto di muschio; è anche il luogo in cui l'equipaggio dell'Apollo 11 si è allenato per la loro passeggiata lunare nel 1969 per la sua somiglianza con la superficie della luna. Andremo ora ad ammirare il canyon di Fjaðrárgljúfur nei pressi del villaggio di Kirkjubæjarklaustur; il canyon  scavato dal fiume Fjaðrá nel corso degli anni offre una vista spettacolare sulla pianura sottostante con la sua miriade di ruscelli glaciali. Si snoda tra le colline disegnando strane forme nelle rocce come il dito del troll, uno spuntone simile ad un enorme dito e che la leggenda attribuisce ad un troll sepolto proprio in quel punto. Ora sarà la volta della vastissima  distesa sabbiosa nera di Skeiðarársandur formata dai depositi alluvionali e del parco Skaftafell, una delle aree naturalisticamente più importanti del paese. Il parco nazionale del Vatnajokull ha in questa zona la sede più importante. Tra le varie attrazioni le grotte glaciali offrono uno spettacolo unico. Sono visitabili solo in inverno, quando il gelo fa ritrarre i torrenti e rende solida la struttura. Ogni anno si formano nuove grotte, ma una delle più suggestive è sicuramente la Crystal Cave. Qui vedremo anche l’immenso ghiacciaio di Vatnajokull, uno dei rami del più grande ghiacciaio d’Europa da dove si potrà ammirare la vetta più alta d’Islanda, il monte Hvannadalshnúkur (2110 m). Sempre dal parco Skaftafell vedremo la cascata nera Svartifoss con il suo be percorso nella natura; vedremo un altro ramo del Vatnajökull che si affaccia a poca distanza dalla Hringvegur (la strada 1). Qui vi sembrerà di rivivere le scene del film hollywoodiano Interstellar, girato qualche anno fa proprio in questo parco nazionale, il maestoso ghiacciaio Svínafellsjökull Glacier! Proseguiremo per il piccolo villaggio di Hof nel sud-est dell’isola, dove ci aspetta la Hofskirkja, una spettacolare chiesa dal tetto verde, immersa nella natura, molto diversa dalle cattedrali che avremmo visto fino ad ora.  I tetti verdi sono molto comuni in Islanda per quanto riguarda le case dei villaggi. Questa pratica si è sviluppata nel Nord Europa già a partire dell’età del ferro. Gli uomini in passato iniziarono a ricoprire i tetti con un tappeto erboso per riparare le abitazioni dal freddo. Ora questa singolare chiesa dal tetto verde fa parte dei monumenti storici islandesi. Ora sarà la volta di una delle mete naturali più belle del mondo…la laguna glaciale di Jökulsárlón! La baia degli iceberg, dove il ghiacciaio si scioglie, gli imponenti iceberg si staccano dal fronte glaciale del Vantajokull e si lasciano trasportare dalla corrente fino a morire in mare. Assume un fascino particolare al crepuscolo, con la luce che risplende sul ghiaccio galleggiante. Quando un iceberg si capovolge e si stacca dal ghiacciaio, si potrà ammirare lo splendido colore blu intenso del ghiaccio, l’iceberg vaga per la laguna fino ad arrivare verso l'oceano nella spettacolare Diamond Beach , uno spettacolo davvero sorprendente. Qui i blocchi di ghiaccio scintillanti e posano per le fotocamere dei viaggiatori sulla sabbia nera.
6
Day 6: dalla capitale fino a Borganes
L'itinerario di oggi comincerà in direzione nord, verso il fiordo di Borgarfjörður. Si attraverserà  prima il Hvalfjordur con il suo intrigante tunnel sottomarino fino ad arrivare alla visita delle straordinariamente belle “cascate di lava” Hraunfossar/Barnafoss; vengono chiamate così a causa di un fenomeno alquanto particolare, l’acqua gelida che scende dal fiordo Borgarfjörður è di origine glaciale in quanto proviene da un ghiacciaio ma durante la sua discesa attraversa lo strato lavico permeabile che assorbe le alte temperature del sottosuolo e le fa quindi sgorgare ad una temperatura molto alta. Buona parte del terreno islandese infatti è composto di lava solidificata nelle centinaia di anni che hanno raccolto le numerose eruzioni dei vulcani presenti in questo territorio. In seguito ci dirigiamo verso la più potente sorgente caldi in Europa, la Deildartunguhver, una sorgente di acqua calda a 97 gradi, con una portata di 180 litri al secondo; fornisce acqua calda ad una grossa fetta della popolazione dell’Islanda occidentale. Davvero molto bello e suggestivo vedere l’acqua che ribolle da sotto terra e crea una densa nube di vapore acqueo. Finiremo la giornata di oggi dirigendoci a Borgarnes, un grazioso villaggio all'entrata della penisola di Snaefellsnes sulla riva del Borgarfjörður, che possiede qualche attrattiva interessante e una bella vista sul fiordo. La sua popolarità è legata alla saga di Egill dove i suoi dintorni sono stati sede di numerose location. Borgarnes è anche una delle località più indicate per assistere al fenomeno dell'aurora boreale, ovviamente se madre natura sarà consenziente.
7
Day 7: penisola di Snæfellsnes
Continueremo la visita del nord ovest dell’isola, dedicandola alla penisola di Snæfellsnes, la penisola del vulcano Snaffels. troppo grande per essere visto da vicino. Arriveremo qui percorrendo il secondo ponte più lungo d’Islanda, il Borgarfjarðarbrú. La penisola di Snæfellsnes è una piccola perla islandese tutta da scoprire; è spesso denominata “Islanda in miniatura”, questa penisola offre tutte le bellezze naturali che si possono trovare nel resto dell’isola: cascate, grotte e campi di lava, sorgenti termali, ghiacciai, vulcani, fiordi, villaggi di pescatori e paesaggi da lasciare senza fiato. Andremo subito sulla speciale collina Helgafell. Ciò che rende Helgafell particolarmente speciale per gli islandesi oggi è la credenza popolare nei suoi poteri di concessione dei desideri, ma non senza che il portatore dei desideri segua alcune istruzioni molto specifiche; bisogna salire senza voltarsi né guardarsi intorno, senza dire una parola e senza pensieri cattivi nella mente. Una volta al vertice, si potrà esprimere un desiderio. Si avvererà, secondo la leggenda, se si sono seguite tutte le istruzioni e non si è detto a nessuno quale fosse il desiderio. Successivamente avremo la possibilità di assaggiare il famosissimo Hákarl, la carne di squalo, davvero un’interessante esperienza!  In Islanda viene principalmente usata per piccoli snack. L’assaggeremo all’interno del museo dove verrà spiegato come avviene tutto il trattamento della carne. Proseguiremo poi per il villaggio abbandonato di Búðir che ospita la chiesa nera più fotografata del paese con il suo cimitero accanto. Davvero impressionante il modo in cui un edificio così semplice si sposa alla perfezione con la natura selvaggia in cui è immersa. La sua sagoma nera si nota a distanza, così come il silenzio profondo che la circonda. Davvero molto suggestivo! Curioso anche il suo cimitero con tombe anche del 1800; si potrà anche capire in che modo vengono formati i cognomi, in Islanda; viene aggiunta una desinenza, diversa per uomini e donne, al nome del padre, quindi, per esempio, Peter, figlio di Jon, avrà il cognome Jonson, mentre sua sorella Mary avrà il cognome Jondottir. Nella stessa zona si potrà passeggiare nel grande campo di lava di Budahraun, generato dal cratere di Budaklettur. Andremo poi al ghiacciaio di Snæfellsjokull celebre per essere stato scelto da Giulio Verne come punto di partenza del suo “viaggio al centro della terra”. Ora sarà la volta di una delle mete più famose di tutta l’Islanda, un vero e proprio must per gli amanti della fotografia; uno scorcio unico nella zona del Grundarfjörður, la piccola, ma molto suggestiva appunto, cascata di Kirkjufellsfoss davvero unica con sullo sfondo la particolare forma del la montagna del Monte Kirkjufell alta 463 metri e presente nella sesta stagione di Games of Thrones (Il Trono di Spade). Molto interessanti la leggenda e le storie legate alla cascata Avremo in seguito la possibilità davvero unica di immergerci in un’autentica pozza naturale di acqua calda in mezzo alla natura, uno spettacolo al tramonto!
8
Day 8: penisola di Reykjanes e relax nella Blue Lagoon
La giornata di oggi la dedicheremo alla penisola di Reykjanes; ci dirigeremo subito all’attiva area geotermica di Krýsuvík, una delle più studiate e monitorate d'Islanda, famosa nel Paese per i suoi sciami sismici che svegliano con una certa frequenza gli abitanti della capitale. L’odore di zolfo qui è molto forte ma l’ambiente che ci aspetta è davvero molto bello, soprattutto se ci sarà la neve ad incorniciare le pozze. Percorrendo il sentiero si vedranno le pozze d'acque bollenti e il vapore che esce dal terreno. La tappa successiva sarà di totale relax alla Blue Lagoon con il paesaggio lavico tutt’attorno! Imperdibile rigenerarsi con un bagno caldo nella piscina geotermale più famosa e conosciuta di tutta l’isola che forma uno specchio azzurro in un campo di lava nera. Dopo aver passato il pomeriggio in relax ci fermeremo a metà strada per percorrere il piccolo sentiero che porta sulla Thorbjarnarfell Mountain per godere di un vista spettacolare di Grindavik e della zona circostante. Scenderemo e andremo a fare un giretto nel villaggio di Grindavik, rinomato per le specialità di pesce e il porto. Ci sposteremo infine al di fuori de centro abitato alla ricerca della nostra aurora.
9
Day 9: Ritorno in Italia
Viaggio di ritorno in Italia.

Tour Location

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Cras sollicitudin, tellus vitae condimentum egestas, libero dolor auctor tellus, eu consectetur neque elit quis nunc. Cras elementum pretium est.
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Donec viverra purus vitae venenatis laoreet. Phasellus tincidunt rhoncus rutrum. Mauris a eleifend nisl. Cras ac bibendum massa. Maecenas et pellentesque dui, vitae varius enim. Ut sit amet turpis lacus. Suspendisse interdum nunc et enim congue fermentum. Aliquam a turpis ac orci pulvinar venenatis. Ut tincidunt ante ex, tempus lobortis leo luctus non. Nulla mattis libero eu tincidunt fermentum. Vestibulum iaculis ac leo et dictum. Etiam porta faucibus orci, in auctor magna vehicula eu. Proin aliquam accumsan est. Sed mattis fringilla eros, ut viverra leo rhoncus id. Mauris vestibulum venenatis diam id pretium. Duis eu est efficitur, egestas nisl non, finibus arcu. Proin quis lorem in purus.
Sad naeos, mauris in erat justo. Nullam ac urna eu felis dapibus condimentum sit amet a augue. Sed non neque elit. Sed ut imperdiet nisi. Proin condimentum fermentum nunc. Etiam pharetra, erat sed fermentum feugiat, velit mauris egestas quam, ut aliquam massa nisl quis neque. Suspendisse in orci enim. Suspendisse in orci enim. Sed non mauris vitae erat consequat auctor eu in elit. Class aptent taciti sociosqu ad litora torquent per conubia nostra, per inceptos himenaeos. Mauris in erat justo. Nullam ac urna eu felis dapibus condimentum sit amet a augue. Sed non neque elit. Sed ut imperdiet nisi. Proin condimentum fermentum nunc. Etiam pharetra, erat sed fermentum feugiat, velit mauris egestas quam, ut aliquam massa nisl quis neque. Suspendisse in orci enim. Sed non mauris vitae erat consequat auctor eu in elit. Class aptent taciti sociosqu ad litora torquent per conubia nostra, per inceptos himenaeos. Mauris in erat justo. Nullam ac urna eu felis dapibus condimentum sit amet a augue. Sed non neque elit. Sed ut imperdiet nisi. Proin condimentum fermentum nunc. Etiam pharetra, erat sed fermentum feugiat, velit mauris egestas quam, ut aliquam massa nisl quis neque. Suspendisse in orci enim.

Leave a Reply

Accommodation
Meals
Overall
Transport
Value for Money